Passa al contenuto

Tarusa

È stata fondata nel 1246.
Popolazione  0 uomo
Una città sulle rive del fiume Oka, che è diventata un luogo di ispirazione per Marina Tsvetaeva, Svyatoslav Richter, Konstantin Paustovsky e altri famosi personaggi della cultura. Qui è possibile conoscere le arti e i mestieri popolari, vedere icone miracolose e una vera e propria "Valle dei Sogni", che gode di uno speciale stato di conservazione.

Contesto storico

All'inizio del X secolo, sul sito di Tarusa sorse un insediamento fortificato. Tre secoli dopo l'insediamento divenne una città. Il primo principe di Tarusa, secondo la genealogia dei principi Verkhovsky del XVI secolo, fu Yury Mikhailovich, figlio di Mikhail Vsevolodovich Chernigovsky. La città prese il nome dal fiume Tarusa, sul quale fu costruita.

Sul territorio di Tarus sono stati rinvenuti più di 30 monumenti archeologici che raccontano tutti i periodi di esplorazione umana della valle dell'Oka. I primi risalgono al XV secolo a.C..

Per secoli Tarusa è stata il centro di appannaggi e principati propri, ma alla fine del XIV secolo divenne parte del Granducato di Mosca.

Fin dai tempi antichi, la terra di Tarus è stata la terra degli eroi. Nel 1380, i principi Tarussky - i fratelli Fyodor e Mstislav - combatterono sotto gli stendardi di Dmitrij Donskoy sul campo di Kulikovo.

Quando nel 1472 Akhmat, il khan della Grande Orda, intraprende una campagna contro la Russia, i Tatari incontrano un grande esercito russo a Tarusa. Tutti i tentativi dell'Orda di attraversare il fiume Oka vengono respinti: l'esercito dell'Orda riesce a bruciare la città di Alexin, ma la campagna si conclude con un fallimento.

A metà del XV secolo, Tarusa sarebbe stata brevemente governata dai lituani. Nel 1508, dopo una lunga lotta, il principe lituano Sigismondo fu costretto a rinunciare alle sue pretese su Tarusa e su altre città della terra di Kaluga.

Nei secoli XVI-XVII Tarusa era un importante punto di difesa fortificato sulla riva del fiume Oka, l'accesso meridionale a Mosca. Fa parte della linea strategica dell'Oka. La città è ben fortificata. Gradualmente il posto di Tarusa come fortezza-difesa è stato preso dalla città di Aleksin, dove è stato trasferito il cosiddetto reggimento dello zar della "mano destra".

Nel 1779, Tarusa è in fiamme. La città viene ridisegnata secondo un piano regolare e di grande successo. L'assetto di allora è conservato ancora oggi.

All'inizio del XIX secolo, Tarusa contava circa 600 abitanti. Ci sono 70 case, due chiese e una piccola fabbrica di mattoni che impiega solo 10 persone.

Durante la guerra patriottica del 1812, Tarusa era la più vicina città di retrovia, attraverso la quale l'esercito russo veniva rifornito di cibo. Nella città furono allestite sette postazioni a cavallo "volanti", che monitoravano l'avanzata delle truppe francesi e fornivano informazioni a Kaluga su base giornaliera.

Alla fine del XIX secolo, la pittoresca Tarusa divenne una popolare destinazione turistica. All'inizio del XX secolo, grazie alla mano degli artisti Vasily Polenov e V.A. Vatagin, fu chiamata "Barbizon russa". La città attrae molti personaggi della cultura alla ricerca di una vita tranquilla, semplice e pacifica. La prima ondata di intellettuali che giunse a Tarusa fu quella dei Polenov, degli Tsvetaev, dei Borisov-Musatov, dei Vatagin, dei Vinogradov.

Negli anni '30 inizia la seconda ondata di "emigrazione" verso Tarusa. Vengono qui le persone sopravvissute all'esilio politico.

Dal 24 ottobre al 19 dicembre 1941, la città viene occupata dalle truppe tedesche, ma non viene visibilmente distrutta.

Dopo la guerra, grazie agli appelli dello scrittore Konstantin Paustovsky, la cui moglie ha acquistato un cottage alla periferia di Tarusa, la città riceve lo status non ufficiale di luogo di villeggiatura vicino a Mosca. Vengono stanziati fondi significativi per il miglioramento della città e dei suoi dintorni.

All'inizio degli anni Settanta, la città diventa il ritrovo preferito dei dissidenti. Qui, in attesa di un visto per lasciare l'URSS, vive Joseph Brodsky; Alexander Ginzburg, autore della sensazionale raccolta di samizdat Pagine bianche, è ospite. Svjatoslav Richter sta costruendo una modesta dacia in un luogo isolato fuori città.

È in questo periodo che la reputazione di Tarusa come città dell'ispirazione prende definitivamente piede. I creativi di tutto il Paese continueranno a venire qui e le case degli scrittori, dei poeti e degli artisti che hanno vissuto qui nel XIX e XX secolo diventeranno centri culturali - il cuore del polo turistico di Tarusa.

Leggi di più

Meteo

Tempo. <noscript><img style=

17 °C

nuvoloso | 1 m/s

La rivista

Articoli dell'autore che menzionano la città

Un pasto delizioso

Posti insoliti con un'atmosfera piacevole, un buon servizio e un menu vario. Scelto dagli autori di Non solo orsi.

InstaMesta

Per le belle foto

Ispirato da

Dicci dove andare e cosa vedere

Fai una passeggiata

Presto saranno disponibili gli itinerari preferiti dagli abitanti del luogo, le informazioni delle guide e molto altro ancora.

Discussione

Condividi consigli con altri viaggiatori

Conosci qualche posto più fresco?

Parlaci di loro!

Accedi

Salva i tuoi luoghi preferiti, discuti le tue città preferite e valuta gli stabilimenti.

Suggerisci una posizione

Conosci un posto fantastico di cui non abbiamo ancora parlato? Segnalacelo e la nostra redazione lo visiterà prima o poi. Se è davvero bello, ne scriveremo sul portale!